• Slideshow - Castello Borrelli - vista dal mare
  • Slideshow - persone in piazza centrale
  • Molo Marinai d'Italia
  • Molo Rosa dei venti

dettaglio della notizia

Questa è la pagina di approfondimento della notizia che hai scelto.

ultima modifica: Antonella Rossi  07/03/2019

AL NIDO D’INFANZIA DI BORGHETTO SANTO SPIRITO SI IMPARA L’INGLESE GIOCANDO

notizia pubblicata in data : giovedì 07 marzo 2019

AL NIDO D’INFANZIA DI BORGHETTO SANTO SPIRITO SI IMPARA L’INGLESE GIOCANDO

Il nido d’infanzia “Seconda stella ..a destra” di Borghetto S. Spirito affronta per la prima volta l’esperienza di un progetto che intende proporre l’approccio alla lingua inglese ai bambini che lo frequentano.
Il progetto nasce da un approfondimento da parte dell’Equipe sullo sviluppo del linguaggio e sul significato della comunicazione verbale.
Il tempo che si trascorre con i bambini è infatti un tempo scandito e ritmato dai gesti e dalle parole. I bambini crescono accompagnati dalle parole degli adulti che si occupano di loro e, con il tempo, ne comprendono i significati, imparano a distinguere il tono, riconoscono i ritmi della lingua, cominciano a produrre le prime parole (i fonemi), formano le prime frasi, interagiscono attivamente diventando partner attivi, fino a compiere esperienze di comunicazione sociale sempre più complesse.
Numerose ricerche hanno dimostrato che per i bambini sia mono che bilingue, le capacità di linguaggio orale che quest’ultimi acquisiscono nei primi cinque anni sono forti predittori di risultati scolastici successivi.
Nell’apprendimento di una lingua viene sempre prima la comprensione, della produzione verbale. All’inizio i bambini hanno bisogno di sentire la lingua in modo da comprenderne i suoni per poi, più tardi parlare.
In tutto il mondo i bambini imparano a parlare stando in ambienti non silenziosi e il contesto del nido offre pertanto sistemi d’interazione nei quali l’adulto diventa sostegno e contenitore dell’apprendimento del bambino.
La scelta dell’inglese dipende dalla sua importanza come lingua utilizzata a livello internazionale.
L’obiettivo che il progetto si prefigge è quello di portare i bambini ad assorbire, riconoscere, utilizzare qualsiasi suono della nuova lingua, essendo il periodo da 0 a 5 anni il periodo ottimale per queste stimolazioni, come diceva Maria Montessori.
L’approccio alla nuova lingua avverrà attraverso attività ludiche e attraverso l’incontro con un personaggio speciale: “MISTER FLY” , che permetterà ai bambini di conoscere alcuni vocaboli della lingua inglese in  modo naturale e divertente, nei diversi momenti ed attività della giornata, in svariati incontri.
Al termine del progetto ogni bambino riceverà un libretto contenente la documentazione della propria esperienza.


Leggibilità
Lettura Visualizza il testo con caratteri normali  Visualizza il testo con caratteri grandi  Visualizza il testo con contrasto elevato  Visualizza i contenuti senza la presenza della struttura grafica